Terme a Budapest

Budapest è una delle città termali più famose al mondo. Sarà un piacere trascorrere una giornata di relax in uno dei suoi numerosi stabilimenti.

Budapest è una delle città più famose al mondo per le sue acque termali. In tutto il territorio della capitale ungherese si contano oltre cento sorgenti di acque calde con virtù curative conosciute già al tempo dei romani e dei turchi che vi costruirono numerosi bagni e complessi termali.

L’isola Margherita, situata tra il ponte Margherita e il ponte Arpad sul Danubio, è considerata la gemma di Budapest, per il bel parco, le infrastrutture sportive, le piscine e soprattutto per la sorgente di acqua termale. L’isola è uno dei centri wellness preferiti dai locali.

Tra le terme più suggestive ci sono le Terme di Szechenyi, uno complesso termale tra i più grandi d’Europa ospitato in un edificio in stile neo-barocco, e le eleganti Terme di Gellert, in stile liberty.

Tra i bagni turchi di Budapest ci sono il Kiraly, ancora ben conservato, i Bagni Lukacs, frequentati da artisti e scrittori, i Bagni Rudas, costruiti nel Quattrocento e i Bagni Rac.

Piscine all’aperto

Soprattutto in estate gli abitanti di Budapest si recano giornalmente nelle tantissimi piscine all’aperto come il Palatinus, o semplicemente chiamato Pala, sull’lsola Margherita, e la piscina Romai, a Obuda, immersa in un vasto parco verde. Sono l’ideale per il divertimento, per lo sport e per il relax.

  • Piscina Palatinus

    XIII distretto, Margitsziget
    Offre piscine per bambini, piscina termale e acquafun; acquascivolo, campi sportivi e parco giochi.

  • Piscina Romai

    III distretto, Rozgonyi Piroska u. 2.
    Scivoli vari, acquafun, cascate artificiali, sauna finlandese.

  • Piscina Dagaly

    XIII distretto, Nepfurdo u. 36.
    Indicata per patologie degenerative delle articolazioni, artriti croniche e acute, trattamenti terapeutici ortopedici e postraumatici. Propone piscine per bambini, piscina olimpionica, piscina, termale e acquafun; sauna, campo di calcetto, massaggi terapeutici.

Da non perdere